Quando si tratta di sconfiggere la cellulite e individuare i prodotti che funzionano davvero è essenziale, prima di tutto, capire cos’è la cellulite e cosa comporta.

In termini prettamente estetici, la cellulite è una manifestazione dell’epidermide che si concretizza con introflessioni, comparsa di pelle a buccia d’arancia e depressioni di tessuto soprattutto sui fianchi, sui glutei, sulle cosce e nella zona pelvica e addominale. In alcuni casi, la cellulite è associata a noduli di tessuto adiposo sottocutaneo mentre, nelle evenienze più gravi e severe, è indice di un vero e proprio stato infiammatorio del tessuto connettivo.

Le cause della comparsa della cellulite sono molteplici: disordini funzionali, disturbi metabolici, specifiche architetture sottocutanee, alterazioni della struttura del tessuto connettivo, fattori genetici e ormonali, disturbi circolatori e, come già detto, anche infiammazioni. Si pensa comunque che a far emergere la cellulite sia, piuttosto che una sola causa, un insieme di tanti fattori interconnessi.

Attualmente, la cellulite rappresenta una condizione ormai “normale” per moltissime donne di qualunque età, normopeso, sovrappeso oppure sottopeso, e di ogni etnia.

Pare inoltre ormai evidente che ad aggravare la cellulite vi siano numerosi e ulteriori fattori, tra cui una vita sedentaria o un dimagrimento eccessivamente rapido, un’alimentazione sbagliata (intesa come ipocalorica, ricca di cibi grassi e di sale che produce una ritenzione dei liquidi nell’organismo), una postura sbagliata (ad esempio con le gambe costantemente accavallate, che contribuiscono a una cattiva circolazione sanguigna), condizioni di sovrappeso oppure obesità, fumo e stress.

In funzione di quanto finora assodato, dunque, il primo passo per opporsi alla cellulite consiste innanzitutto nell’attenzione all’alimentazione, in un’attività fisica costante e in una modificazione della postura. Tuttavia, per sconfiggere questo fastidioso disturbo alla pelle questi accorgimenti possono spesso non rivelarsi sufficienti.

Cellulite: come sconfiggerla

Affermare che esista un metodo che, senza se e senza ma, permetta di sconfiggere la cellulite sarebbe inesatto. Questa condizione, infatti, è studiata con attenzione da tempo e tuttavia molto è ancora oscuro in merito alla sua eziologica e, dunque, anche del suo trattamento.

Farmaci, integratori e creme possono aiutare ad opporsi alla cellulite in un contesto di più ampia modificazione del proprio stile di vita. In pratica, anche la migliore crema o fango per cellulite potrebbe, nella migliore delle ipotesi, risolvere il sintomo ma ciò che è davvero efficace è un attento lavoro sulla causa.

Un esempio di approccio ai sintomi della cellulite è rappresentato dai massaggi drenanti che, se effettuati correttamente, potrebbero migliorare temporaneamente la circolazione sanguigna e linfatica, diminuendo la ritenzione idrica. Oggi, i metodi per sconfiggere la cellulite più “avveniristici” sono rappresentati dai sistemi a radiofrequenza o laser. Anch’essi, però, hanno effetti del tutto momentanei.

Vi è poi la criolipolisi, che è un trattamento di medicina estetica non invasivo con l’obiettivo di ridurre il grasso localizzato tramite l’utilizzo di basse temperature. La criolipolisi viene effettuata con l’ausilio di una specifica apparecchiatura che controlla il processo di raffreddamento delle cellule adipose, innescando una lipolisi.

Cellulite: cosa funziona davvero?

In conclusione, per sconfiggere la cellulite è possibile chiedere al proprio farmacista di fiducia quale pomata, trattamento o integratore possa agevolare il nostro lavoro “alla radice” per andare a modificare le cause scatenanti del problema.

Opporsi alla cellulite nel modo più funzionale e corretto, in pratica, include:

  • Una dieta sana e il raggiungimento lento e progressivo di una struttura normopeso anche attraverso la pratica di regolare esercizio fisico
  • Un rafforzamento dei muscoli di gambe, glutei e cosce, tra l’altro utile anche a prevenire osteoporosi e problemi circolatori
  • Un consumo regolare di almeno due litri d’acqua al giorno
  • Una riduzione del consumo di sale e di cibi grassi
  • Il mantenimento di uno stile di vita attivo
  • L’evitare l’accavallamento delle gambe, l’immobilità in piedi o seduti, nonché abiti e scarpe troppo stretti che vanno a danneggiare la circolazione
  • La riduzione dello stress, che aumenta il livello di cortisolo e di altri ormoni che impattano negativamente sul benessere dell’organismo
  • Lo smettere di fumare
  • La riduzione del consumo di alcol

Per combattere la cellulite, dunque, il cambiamento deve partire innanzitutto da noi.

Fanghi per cellulite

I fanghi per cellulite funzionano? E, soprattutto, come funzionano e perché vengono utilizzati? Come abbiamo spiegato poco sopra, uno stile di vita sano è il principale alleato per sconfiggere la cellulite ma il processo di guarigione da questo disturbo e inestetismo può essere supportato con prodotti specifici, e i fanghi per cellulite (o fanghi anticellulite) possono essere annoverati fra questi.

I fanghi anticellulite stimolano la depurazione, idratazione e drenaggio del corpo e possono contrastare gli effetti a buccia d’arancia tipici della cellulite. Generalmente, i fanghi anticellulite sono fanghi “per dimagrire” alla cui formulazione vengono aggiunte specifiche erbe e rimedi naturali per il contrasto di questo inestetismo. Tra gli ingredienti classici dei fanghi per cellulite figurano ad esempio il timo, i semi di finocchio, lo zenzero, l’esquiseto, le alghe e la buccia di limone. Ovviamente, come per tutti i trattamenti “complementari”, la loro efficacia va considerata del tutto provvisoria.

I fanghi anticellulite possono migliorare l’aspetto a buccia d’arancia tipico della pelle sofferente di cellulite soprattutto se associati a massaggi linfodrenanti ma, ovviamente, non possono di certo eliminare l’adipe sottocutaneo. Tuttavia, sebbene la loro azione sia squisitamente superficiale, questi prodotti possono produrre un notevole giovamento nelle persone che stanno attuando una strategia “a tutto campo” per ridurre o sconfiggere la cellulite.

La peculiarità dei fanghi anticellulite, soprattutto se coadiuvati dall’azione di alghe e acqua di mare (che contengono composti bioattivi) possono contribuire a:

  • Migliorare l’equilibrio endocrino
  • Disintossicare l’organismo
  • Eliminare o ridurre la ritenzione idrica
  • Stimolare la microcircolazione sanguigna
  • Diminuire lo stress
  • Diminuire i dolori muscolari
  • Lenire i sintomi della fibromialgia
  • Aumentare il benessere generale dell’organismo

Dal momento che i fanghi anticellulite in commercio sono davvero numerosissimi, il nostro consiglio è di rivolgervi al vostro farmacista di fiducia per individuare il prodotto che più fa al caso vostro.

Per ottenere un risultato ottimale e soddisfacente si consiglia comunque di integrare l’uso di prodotti locali con altri che agiscono direttamente sul sistema linfatico e circolatorio, per favorire una migliore azione dei trattamenti ed avere una maggior garanzia di successo.